Semifinali di Champions e Europa League: è ancora sputtanamento

Il padre ispiratore di questi pronostici

Il padre ispiratore di questi pronostici

Ormai ci ho preso gusto e rilancio. Dopo gli ottavi e i quarti di Champions, voglio dare i miei sconclusionati pronostici anche sulle semifinali. In più mi spingo a prevedere cosa succederà anche in Europa League. L’ultima volta ho indovinato tre pronostici su quattro. Vediamo se la media migliora.

Bayern Monaco – Barcelona

Il trofeo Pep Guardiola, in pratica. Chiariamoci: due squadre fortissime. Fare un pronostico è come scegliere se andare a letto con Belen o con Scarlett Joahnsson. Come si fa? Andiamo con il raziocinio. Il Bayern ha un miglior portiere, più fame e maggiore solidità. Il Barcelona è il Barcelona. Ha Messi, il Camp Nou e un centrocampo che rimarrà nella storia del gioco. La butto lì. Se i tedeschi riusciranno a non prendere gol all’Allianz Arena possono passare il turno. Andasse male, che problema c’è? Il prossimo anno c’è il Pep. Pronostico: Bayern Monaco.

Borussia Dortmund – Real Madrid

Una guerra di religione. Inutile ripetere cosa differenzia queste due squadre. Klopp e i suoi ragazzi (molti dei quali, se fossero brasiliani o argentini, saremmo stufi di sentire elogiare in TV e sui giornali) hanno l’opportunità di entrare nell’Olimpo. E hanno già dimostrato di poter battere il Madrid. In autunno, nel girone, i tedeschi vinsero in casa e al Bernabeu fecero soffrire le meringhe fino allo fine. Pronostico scontato? No, perchè il Real ha in panchina un certo Josè Mourinho. Dopo due semifinali perse un pò così, questa non se la lascia sfiggire. Pronostico: Real Madrid.

Passiamo all’Europa League.

Basilea – Chelsea

Sulla carta basterebbe una riga. Peccato che il Chelsea non stia vivendo la stagione della vita e che l’Europa League sia, in sostanza, un ripiego. Tutto dipenderà da questo. Gli uomini di Benitez cercheranno con vigore di vincere almeno questa competizione o affronteranno l’impegno scarichi perchè non abbastanza ingolositi? Nel secondo caso si mette dura. Il Basilea è un buon mix tra vecchie volpi (Frei, Streller, i gemelli Degen) e nuove leve (Salah su tutti). Distrarsi non si può. Pronostico: Chelsea.

Benfica – Fenerbahce

Devo ripetere il discorso fatto per la sfida tra Madrid e Galatasaray dei quarti di Champions. Andateci voi a giocarvi una qualificazione in Turchia e fatemi sapere che si prova. Il Benfica sembra una squadra migliore e ha fatto una campagna europea di livello. Il Fenerbahce ha più nomi che giocatori ed è stato anche un pò aiutato dal sorteggio benevolo. Però, sarà anche un luogo comune, io contro i turchi non ci scommetteri quasi mai. E i portoghesi spesso si sciolgono sul più bello. Pronostico: Fenerbahce.

 

Annunci

Quarti di Champions: quale migliore occasione per sputtanarsi un’altra volta?

L'uomo da cui ho tratto ancora una volta ispirazione per questo post...

L’uomo da cui ho tratto ancora una volta ispirazione per questo post…

In data 21 dicembre 2012, quando il mondo avrebbe dovuto essere ad un passo dalla fine, scrivevo questo sugli ottavi di finale di Champions League. Su 8 pronostici ne ho indovinati 6, non un brutto risultato, ma mi brucia un pò aver sbagliato l’esito di due doppi confronti parecchio equlibrati.

Vediamo ora insieme cosa propongono i quarti di finale. E, ça va sans dire, proverò a infangare ancora una volta il mio buon nome.

Borussia Dortmund – Malaga

Ironia della sorte, il sorteggio ha voluto che si scontrassero le due squadre che avevo dato per eliminate. I tedeschi hanno tutto per passare il turno: gioco, uomini, idee, entusiasmo. Il Malaga è una squadra particolare. Il suo presidente è l’unico sceicco tirchio del calcio che conta, la sua guida è un ingegnere (in tutti i sensi) della panchina come Manuel Pellegrini e in campo conta su uno strano mix di pochi giovani interessanti e molti vecchi bucanieri d’assalto. Il pronostico però non può non andare ai tedeschi, anche perchè avranno la sfida di ritorno in casa. Comunque sarà meno equilibrata di quanto si potrebbe pensare. Pronostico: Borussia Dortmund.

Real Madrid – Galatasaray

Ora, se c’è una cosa che non auguro neanche al mio peggior nemico calcistico, questa è andare a giocarsi una qualificazione importante in uno stadio turco. Detto questo, pensare che il Real Madrid possa avere dei problemi contro il Galatasaray è abbastanza ardito. Gli spagnoli dovrebbero passare facilmente ma, qualora la partita d’andata al Bernabeu andasse bene, ma non benissimo, il ritorno potrebbe essere molto interessante. Molto suggestivo lo scontro tra Mourinho e i suoi due vecchi pupilli Drogba e Sneijder. Ma colui che può fare davvero male è Burak Yilmaz. Pronostico: Real Madrid.

PSG – Barcelona

Più che una partita, una disputa filosofica. L’all-stars parigina si trova davanti alla sfida più difficile. È improbabile che la possa superare, ma il Barcelona quest’anno ha più volte dimostrato che di tanto in tanto diventano normali anche loro. Inoltre, la paura presa negli ottavi contro il Milan potrebbe aver eliminato ogni sensazione di supposta superiorità. Dall’altra parte tanto dipenderà, ovviamente, da Zlatan Ibrahimovic. A fine mese si deciderà se la squalifica che lo terrà fermo per l’andata verrà ridotta. In ogni caso, a differenza del passato, questa volta nessuno scommette su di lui. Potrebbe essere un bene? Pronostico: Barcelona.

Bayern Monaco – Juventus

Se fossi juventino sarei contento di aver trovato il Bayern. Squadra dura, durissima, da superare, ma non imbattibile. Insomma non è l’outsider che rischia di farti prendere alla leggera l’impegno, nè una delle due spagnole con cui ti sembra di essere sconfitto in partenza. È un’impresa difficile, ma non impossibile. Certo, ci vorrà la miglior Juventus e sarà fondamentale riuscire a segnare almeno un gol all’Allianz Arena. Un altro fattore che peserà sarà l’esperienza a certe sfide. Il blocco principale del Bayern ha alle spalle due finali perse. Nella Juve solo Buffon, Pirlo e Anelka possono dire di esserci già passati. Pronostico: Juventus.